fbpx

Malattie e disfunzioni della tiroide: più colpite le donne

Picture of Sara Bruno
Sara Bruno

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla situata nella parte anteriore del collo, che svolge un ruolo fondamentale nel regolare il metabolismo corporeo, specialmente di ossa, capelli, unghie, la temperatura, il battito cardiaco e altri processi vitali.

Nelle prime settimane di vita, la tiroide regola lo sviluppo neuropsichico, la crescita, la funzione cardiovascolare, la formazione e la crescita delle ossa. Non solo, la ghiandola influenza anche il tono dell’umore, la forza muscolare, la fertilità e altro ancora.

Purtroppo, le malattie della tiroide sono tra le più diffuse in Italia, tanto che l’Istituto Superiore di Sanità ha calcolato ne soffra circa il 10% della popolazione. Ma il dato più evidente è quello che descrive una preponderante incidenza tra le donne: i soggetti femminili sono colpiti da 5 a 10 volte in più rispetto agli uomini nonostante si stimi, oltretutto, che le disfunzioni tiroidee non vengano diagnosticate nel 70% circa delle donne e rappresentino una delle più comuni cause di aborto spontaneo.

La medicina di genere ci permette di gettare uno sguardo più attento sui fattori alla base di questa disparità.

Ma che cos’è la medicina di genere? L’Organizzazione mondiale della sanità la definisce come lo studio dell’influenza che hanno, su salute e malattia di ogni persona, le differenze sessuali e socio-economiche e culturali (definite dal genere). Un approccio che distingua maschi e femmine nella pratica clinica consente di promuovere una personalizzazione delle diagnosi e delle cure e un modello medico molto più efficace.

La salute della donna, in particolare, è al centro dell’attenzione dell’Endocrinologia: dall’adolescenza alla menopausa, passando dall’età fertile e dalla gravidanza, sono tanti e diversi, infatti, i momenti della vita della donna in cui il normale equilibrio ormonale che garantisce benessere e longevità, può saltare o essere messo a dura prova. Questi cambiamenti possono influenzare il funzionamento della tiroide e aumentare il rischio di sviluppare condizioni disfunzionali e/o patologiche.

Inoltre, la tiroide è particolarmente sensibile agli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili. Questo significa che le fluttuazioni degli estrogeni durante il ciclo mestruale o durante la gravidanza possono influenzare direttamente la funzione tiroidea.

Allo stesso tempo, la presenza di autoanticorpi, che sono più comuni nelle donne, può predisporre allo sviluppo di patologie autoimmuni come la tiroidite di Hashimoto che può si associarsi ad altre patologie come diabete, vitiligine, celiachia, gastrite autoimmune. Basti pensare che in base alle statistiche di incidenza è stato calcolato che le patologie autoimmuni hanno una frequenza 9 volte più alta nelle donne che negli uomini.

 

Le principali malattie della tiroide nelle donne

Tra le malattie più comuni della tiroide che spesso colpiscono le donne, troviamo:

  • Ipotiroidismo: caratterizzato da una produzione insufficiente di ormoni tiroidei, può causare stanchezza, aumento di peso, sensazione di freddo, fragilità di unghie e capelli, pelle secca e altri sintomi
  • Ipertiroidismo: caratterizzato da un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei, può causare perdita di peso, palpitazioni, nervosismo, assottigliamento dei capelli, aumento della sudorazione e altri sintomi.
  • Tiroidite: un’infiammazione della tiroide che può essere causata da infezioni, problemi autoimmuni o altre cause.
  • Noduli tiroidei: masse anomale che si formano nella tiroide, spesso scoperte incidentalmente durante esami di imaging, che ne possono alterare il normale funzionamento.
 
L’importanza della diagnosi precoce e del trattamento

Indipendentemente dalla specifica malattia della tiroide, è fondamentale che le donne prestino attenzione ai sintomi e cerchino assistenza medica tempestiva. Una diagnosi precoce può prevenire complicazioni e migliorare la qualità della vita. I test di screening della tiroide dovrebbero essere parte integrante delle visite mediche di routine, specialmente per le donne con fattori di rischio come la storia familiare di malattie tiroidee o condizioni autoimmuni.

Il trattamento delle malattie della tiroide può variare a seconda del tipo e della gravità della condizione, ma può includere farmaci, terapia con iodio radioattivo, chirurgia o altre opzioni. È importante lavorare a stretto contatto con un endocrinologo o un medico specializzato nella gestione delle malattie della tiroide per stabilire il piano di trattamento più adatto.

In conclusione, anche se le malattie della tiroide possono colpire chiunque, è evidente che le donne sono particolarmente vulnerabili a causa di una serie di fattori biologici e ormonali. Rimanere consapevoli dei sintomi, sottoporsi regolarmente a controlli medici e ricevere un trattamento tempestivo sono passi cruciali per gestire efficacemente queste condizioni e preservare la salute della tiroide e del corpo nel suo complesso.

Per aiutare le donne in questa sfida, il poliambulatorio OIS Medical Center organizza il 29 marzo 2024 una giornata dedicata al benessere ormonale femminile con un focus sui problemi tiroidei. Il pacchetto della Giornata dell’Endocrinologia femminile prevede una visita specialistica con il nostro endocrinologo, Dott. Ruggero Martinelli + ecografia tiroidea alla tariffa speciale di 89€

Ultimi post
Chi siamo

Facciamo un esercizio, insieme. Proviamo a pensare alla parola Medicina
Cosa ti viene in mente: prendersi cura o trattare? 
Benessere globale o interventi mirati a curare un malessere? 

Noi siamo andati oltre l’idea che prevenire è meglio che curare.

Per noi la medicina è ars medica,arte e scienza che si occupa del curare”: non è solo il trattamento per la guarigione, ma è l’atto del prendersi cura

Da noi la medicina è cura globale, la medicina è amica. 

Diffondiamo la cultura della salute.

Stare bene non significa far tacere i sintomi o assenza di malattia. 
Benessere è armonia tra corpo, mente e ambiente.
Benessere è il terreno su cui fiorisce il successo delle persone e dei progetti.

Manteniamo la visione d’insieme, nelle cure come nella vita.

Nel corpo, come in un’orchestra, basta una singola nota stonata per interrompere la sinfonia. Per la maggior parte delle persone si tratta di minuzie impercettibili, ma non per un buon medico. 

Come il direttore d’orchestra, il medico ha una visione d’insieme che lo guida nella cura del paziente per far sì che ogni elemento possa trovare il giusto accordo.

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter